Terra del Sole 1387AD – Preparation!

My request to attend Terra del Sole has been approved! I wanted to write about my preparation for this event and share all my research into the quattrocento with you. I am attempting to write in both English and Italian so I can share this with the group that is hosting me, La Sparvieri. Let me know of any errors 🙂

Beauty & Hygiene

Taking recipes from the 12th century De Ornatu Mulierum, which we know were used through the 13th/ 14th centuries and expanded upon in the 15th/ 16th centuries in Books of Secrets, we have a basic idea of the beauty and hygiene regimen for women of the quattrocento. Other references include the Decameron and Dioscorides.

IMG_2745

We have three recipes from Trotula (Book III), a female physician teaching at the medical school in Salerno. Her treatises were used as textbooks for apothecary preparations and formed the reference for doctors prescriptions from the 12th century on. Two recipes are for tooth washing and one is for breath freshening:

“But when she combs her hair, let her have this powder. Take some dried roses, clove, nutmeg, watercress, and galangal. Let all these, powdered, be mixed with rose water. With this water let her sprinkle her hair and comb it with a comb dipped in this same water so that [her hair] will smell better. And let her make furrows in her hair and sprinkle on the above-mentioned powder, and it will smell marvelously.”

“The woman should wash her mouth after dinner with very good wine. Then she ought to dry [her teeth] very well and wipe [them] with a new white cloth. Finally, let her chew each day fennel or lovage or parsley, which is better to chew because it gives off a good smell and cleans good gums and makes the teeth very white.”

“I saw a  certain Saracen woman liberate many people with this medicine. Take a little bit of laurel leaves, and a little bit of musk, and let her hold it under the tongue before bad breath is perceived in her. When I recommend that day and night and especially when she has to have sexual intercourse with anyone she hold these things under her tongue.”

Bathing was important. We learn this from the 14th century Decameron:

“Without permitting anyone else to lay a hand on him, the lady herself washed Salabaetto all over with soap scented with musk and cloves. She then had herself washed and rubbed down by the slaves. This done, the slaves brought two fine and very white sheets, so scented with roses that they seemed like roses; the slaves wrapped Salabaetto in one and the lady in the other and then carried them both on their shoulders to the bed . . . They then took from the basket silver vases of great beauty, some of which were filled with rose water, some with orange water, some with jasmine water, and some with lemon water, which they sprinkled upon them. After which they refreshed themselves with boxes of sweetmeats and the finest wines.”

Dioscorides promotes sage as a deodorizing astringent:

“It will make a man’s body clean; therefore who that useth to eat of this herb or drink it, it is marvel that any inconvenience should grieve them that use it.”

We know that cosmetics were used based on the many references to it. A monk from Montaudon in the 13th century complained that there were no pigments left to use for the statues in the church:

there is not enough paint left to adorn them because  of all the ladies who use rouge and cream”

Gilbertus Anglicus mentions using brazilwood chips soaked in rosewater on the cheeks. In a 13th century song, described by James Cleugh in Love Lock’d Out, a peddler carries these items for sale:

“razors, tweezers, looking glasses, toothbrushes and tooth-picks, bandaus and curling irons, ribbons, combs, mirrors, rosewater… cotton with which they rouge themselves and whitening with which they whiten themselves.”

 

Clothing

Around 1360 dresses that highlighted the figure and shape of a woman were popular in northern Italy. The feminine clothing consisted of three layers: the shift (camicia), the underdress (sottoveste, gonella, or cote) and the overdress (sopracotta, cottardita, sovracotta, or cotehardie). Please do not get too attached to a certain term for the underdress or overdress. The names changed depending on the decade and the region. For simplicity, know that there was an undergarment, an underdress, and an overdress. 

The camicia, worn against the skin as an undergarment, was a simple tunic-like garment made of linen or silk. Francoise Piponnier, in “Dress in the Middle Ages” states that the camicia for poor women could be made of hemp or cheap linen. It could be with or without sleeves and always without buttons or laces. Notice the miniature showing a sleeveless camicia.

sleeveless camicia

 

A medical manual written in the 14th century by the name of Tacuinum Sanitatis shows many depictions of the underdresses and overdresses of the age. We also have painting from the era to show us how feminine fashion was versitile and functional.

 

 

The silhouette that we see in these dresses is a form fitting bodice, narrow sleeves to the wrist (with or without buttons). In this depiction of the “cipriana” from 1380 Milan we see buttons from the neck to the floor on the front of the dress.

cipriana Guiron Le Courtois of 1380 in Milan

The overdress could be slightly looser fitting than the underdress as shown in this 1370 drawing by Giovannino de’Grassi.

1370 giovannino de grassi

Aprons were used when working. Sometimes the loose overdress or a basket is used for carrying things.

 

We can see many different under and overdresses in this depiction of Saint Ursula and her attendants from a 1385 breviary. These dresses are tight enough at the top to hug the chests of the ladies. their underdresses are different colors than the overdress. Raising your overdress slightly with the tips of your right-hand fingers was an elegant feminine gesture of the era according to the writer Villani.

Saint Orsola 1385

In the Saint Ursula miniature, we also see many different hairstyles: braids, ribbons, and cappuccio. In another Saint Ursula depiction by Tommaso da Modena we see a veil.

Saint Orsola by Tommaso da Modena

In the winter, for warmth, you could choose from a simple stole (stola), a heavy cloak (mantello),  or a houppelande (pellanda)

 

 

So, from Sartoria MonRo I am commissioning two underdresses. One silk dress lined in linen and gold in color. One wool particolor dress lined in linen.

 

*************************************************************

La mia richiesta di partecipare a Terra del Sole è stata approvata! Volevo scrivere sulla mia preparazione per questo evento e condividere con te tutta la mia ricerca nel quattrocento. Sto tentando di scrivere in inglese e in italiano in modo da poter condividere questo con il gruppo che mi ospita, La Sparvieri.

Bellezza e Igiene

Prendendo ricette del XII secolo De Ornatu Mulierum, che sappiamo usate nei secoli XIII / XIV e ampliato nei secoli XV / XVI in Libri dei Segreti, abbiamo un’idea fondamentale del regime di bellezza e igiene delle donne del Quattrocento.

Abbiamo tre ricette da Trotula (Libro III), un medico femminile che insegna alla scuola medica di Salerno. I suoi trattati sono stati utilizzati come libri di testo per preparazioni farmacologiche e costituiscono il riferimento per le prescrizioni mediche del XII secolo. Due ricette sono per il lavaggio dei denti e uno per il raffreddamento dell’alito:

“Quando pettini i capelli, lasciate che utilizzi questa polvere, prendete alcune rose secche, spicchi, noce moscata, crescione e galangal. Il pettine si è immerso in questa stessa acqua, per cui [i suoi capelli] avrà un profumo migliore e la metterà sul cuoio capelluto e avrà un profumo di maraviglia “.

“La donna dovrebbe lavare la bocca dopo cena con un ottimo vino, poi deve strofinare i denti con un nuovo panno di lino. Finalmente, lasciate che masticare il finocchio o il cavolfiore o il prezzemolo, ogni giorno che è meglio masticare perché dà un Un buon odore e pulisce bene le gengive e rende i denti molto bianchi “.

“Ho visto una certa donna saracena liberare molte persone con questo medicinale, prendete un po ‘di foglie di alloro e un po’ di muschio, e lasciatelo tenere sotto la lingua prima che si percepisca una brutta pausa in lei. Notte e soprattutto quando deve avere rapporti sessuali con chiunque abbia queste cose sotto la sua lingua “.

Il bagno era importante. Lo impariamo dal decamerone del XIV secolo:

“Senza permettere a qualcun altro di mettergli una mano, la signora stessa lavava Salabaetto tutto con sapone profumato di muschio e chiodi di garofano, poi si è lavata e strofinata dagli schiavi, in questo modo gli schiavi hanno portato due belle e molto bianche Fogli così profumati di rose che sembravano rose, gli schiavi avvolivano Salabaetto in una e la signora nell’altra e poi li portarono entrambi sulle spalle al letto … Presi poi dal cestino vasi d’argento di grande bellezza, Alcune delle quali erano piene di acqua di rosa, alcune con acqua arancione, alcune con acqua di gelsomino e alcune con acqua di limone che li spruzzarono, dopo di che si rinfocarono di scatole di dolciumi e di ottimi vini “.

Dioscorides promuove la salvia come un astringente deodorante:

“Farà il corpo di un uomo pulito, quindi chi usa mangiare questa erba o bere, è meravigliato che ogni inconveniente possa addolorare quelli che lo usano”.

Sappiamo che i cosmetici sono stati utilizzati in base ai molti riferimenti ad esso. Un monaco di Montaudon nel 13 ° secolo si lamentava che non esistevano pigmenti da usare per le statue della chiesa:

“Non c’è abbastanza pittura per abbellirli per tutte le signore che usano rouge e creme”

Gilbertus Anglicus menziona l’uso di chip di legno brasiliano imbevuto di rosewater sulle guance. In una canzone del XIII secolo, descritta da James Cleugh in Love Lock’d Out, un commerciante porta questi articoli in vendita:

“Rasoio, pinzette, occhiali da vista, spazzolini da denti e bastoncini di denti, bande e arricciature, nastri, pettini, specchi, rosewater … cotone con cui si stringono e sbiancano con cui si sbiancano”.

Moda Femminile

Circa 1360 abiti che hanno evidenziato la figura e la forma di una donna erano popolari nel nord Italia. Gli abiti femminili consistevano in tre strati: lo spostamento (camicia), la sottoveste (sottoveste, gonella o cote) e l’overdress (sopracotta, cottardita, sovracotta o cotehardie). Si prega di non essere troppo attaccato ad un determinato termine per l’underdress o overdress. I nomi sono cambiati a seconda del decennio e della regione. Per semplicità, sappiate che c’era un indumento intimo, un underdress e un overdress.

La camicia, indossata contro la pelle come biancheria intima, era un semplice abito di tunica in lino o seta. Francoise Piponnier, in “Vestito nel Medio Evo” afferma che la camicia per le donne povere potrebbe essere fatta di canapa o di lino a buon mercato. Può essere con o senza maniche e sempre senza bottoni o pigiami. Notate la miniatura che mostra una camicia senza maniche.

sleeveless camicia

 

Un manuale medico scritto nel XIV secolo con il nome di Tacuinum Sanitatis mostra molte raffigurazioni delle sottoveste e degli indumenti del tempo.

 

La silhouette che vediamo in questi abiti è un corsetto di forma, maniche strette al polso (con o senza pulsanti). In questa rappresentazione della “cipriana” del 1380 Milano vediamo bottoni dal collo al pavimento sulla parte anteriore del vestito.

cipriana Guiron Le Courtois of 1380 in Milan

L’overdress potrebbe essere leggermente più allentato rispetto alla sottoveste come mostrato in questo disegno 1370 di Giovannino de’Grassi.

1370 giovannino de grassi

Grembiuli sono stati utilizzati quando si lavora. A volte l’abbronzatura sciolti o un cesto vengono usati per portare le cose.

 

Possiamo vedere molti diversi sottotoni e overdresses in questa rappresentazione di San Ursula ei suoi assistenti di un breviario 1385. Questi abiti sono abbastanza stretti in cima per abbracciare i sedili delle signore. I loro sottopiedi sono diversi dai colori superficiali. Sollevando leggermente il tuo overdress con le punte delle dita della mano destra è stato un elegante gesto femminile dell’epoca secondo lo scrittore Villani.

Saint Orsola 1385

 

Nella miniatura di Saint Ursula, vediamo anche diverse acconciature: trecce, nastri e cappuccio. In un’altra rappresentazione di Sant’Orsola da Tommaso da Modena vediamo un velo.

Saint Orsola by Tommaso da Modena

In inverno, per il caldo, potresti scegliere tra una semplice (stola), un mantello, o un houppelande (pellanda).

 

 

 

Quindi, da Sartoria Monroo commissiono due abiti. Un abito di seta rivestito di lino e di colore oro. Un vestito di particolore di lana rivestito in lino.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s